I volumi del Prof. Emilio Prantoni

Le pubblicazioni che il Prof. Emilio Prantoni ha dedicato al territorio che ha al suo centro il Villaggio della Salute Più. Acquistali subito!



Di qua e di là dall’Appennino tosco-emiliano. Alla ricerca della bellezza in un territorio ricco di fascino storico e artistico

 

Di qua e di là dall’Appennino tosco-emiliano. Alla ricerca della bellezza in un territorio ricco di fascino storico e artistico

I territori “di qua e di là dall’Appennino tosco-emiliano” da Bologna a Rimini, da Ravenna a Firenze sono straordinariamente ricchi di luoghi, di monumenti di grande interesse turistico, storico e ambientale e, giustamente, per raccontare questi luoghi c’è una miriade di guide, anche pregevoli. Il compito dell’autore era ed è un altro: presentare, riscoprire e farci apprezzare attraverso un viaggio affascinante e inusuale un’Italia minore piacevole, ricca di suggestioni, che si presenta al visitatore intatta nel suo fascino, pronta a farsi scoprire o riscoprire, e perché no, ad essere fruita e valorizzata come sicuramente merita. Un viaggio autentico in grado di soddisfare le aspettative, anche quelle più sofisticate, di turisti attenti e curiosi. Turisti vecchi e nuovi, diversi rispetto al passato, sempre di più alla ricerca di emozioni ed esperienze nuove e coinvolgenti. Il merito maggiore di queste pagine è di offrire itinerari spesso non conosciuti, ma che l’autore conosce bene, che ha scoperto, vissuto e studiato nel corso di decenni e che oggi mette a disposizione del lettore. Nella presen - tazione ricca e affascinante di Prantoni si coglie l’anima di questi luoghi, lo spirito che li permea e che desta interesse, curiosità, desiderio di scoprirli, di goderne perché luoghi sospesi fra storia e leggenda, pronti da secoli ad offrirsi al visitatore attento. Una giornata può bastare per un percorso di scoperta e di piacere nel gustare la bellezza che alberga in questo territorio che mantiene una centralità geografica ca - ratterizzata da una cultura unica al mondo, per storia, arte, paesaggio, architettura, tradizione. E tutto ciò fuori dai flussi turistici più noti e tradizionali. L’autore ci incuriosisce, ci stimola, ci affascina, proponendoci nuove scoperte e la presentazione volutamente non è esaustiva, ma focalizzata su alcuni aspetti prediletti.

Alla ricerca della Linea Gotica. Raggiungere la Futa attraverso la Via degli Dei, la via Flaminia Minore, la via del Sillaro e la strada della Futa

Alla ricerca della Linea Gotica. Raggiungere la Futa attraverso la Via degli Dei, la via Flaminia Minore, la via del Sillaro e la strada della Futa

Questa è una guida semplice, essenziale, ma ricca di stimoli e di proposte per offrire ai visitatori luoghi autentici, ricchi di memoria, di storia e di interesse naturalistico e spesso testimoni di avvenimenti drammatici. La Linea Gotica fu la linea fortificata difensiva realizzata sul finire della Seconda Guerra Mondiale, nel 1944, dai tedeschi nel tentativo di fronteggiare e rallentare l’avanzata dell’esercito alleato e ha riguardato in modo molto significativo il tratto di Appennino compreso tra la Colla di Casaglia e il monte Citerna, sebbene il complesso delle fortificazioni si estendesse dalla Liguria alle Marche, con un fronte di oltre 300 chilometri. Per superare questo ultimo e importante baluardo ci furono numerose battaglie come, ad esempio, quella del Sasso di San Zanobi fra carri armati tedeschi e americani, oppure i duri scontri di Monte Monzano, a ridosso di Monte la Fine. Gli itinerari proposti consentono di vedere i resti di quel drammatico scontro: trincee, fortificazioni, distruzioni ancora visibili, anche se a volte le costruzioni sono abbandonate da lungo tempo; i percorsi, i musei, i luoghi hanno mantenuto intatta la loro storia, il loro interesse e il loro fascino. Il merito di queste pagine è di fornire al lettore indicazioni semplici e pratiche per andare alla scoperta di luoghi a volte dimenticati, ma ricchi di fascino e di storia che meritano di essere scoperti, apprezzati e vissuti.

Percorsi nella valle del fitness. Muoversi lungo il Sillaro tra cultura, natura e benessere

Percorsi nella valle del fitness. Muoversi lungo il Sillaro tra cultura, natura e benessere

Nelle pagine di questa pubblicazione vengono proposti 23 itinerari nell'alta valle del Sillaro, percorribili, secondo i casi, in automobile, in Mtb, a cavallo e a piedi. Oltre alla sintetica descrizione dell'itinerario e alla relativa cartografia esplicativa, ogni percorso è preso in esame sotto l'aspetto storico, culturale e del paesaggio e il testo è accompagnato da un corredo di numerose immagini. Gli itinerari presentano una grande varietà, dai più brevi, che possono essere percorsi camminando tranquillamente per un'ora o poco più a quelli più lunghi, che richiedono molte ore di cammino, e che possono essere percorsi in Mtb, a cavallo o in automobile o, meglio, con un fuoristrada. Nelle spiegazioni di ogni itinerario ci sono numerosi riferimenti ai paesi, ai nuclei abitati o agli edifici particolari che si incontrano, così come sono menzionati i principali aspetti naturalistici e geologici del territorio che si sta attraversando. Si tratta, quindi, di una guida che permette di fare la conoscenza di un territorio particolare, quello dell'alta valle del Sillaro, che è confine naturale e storico.

Alle radici del Sillaro. Frammenti di storia, cronache, leggende

Alle radici del Sillaro. Frammenti di storia, cronache, leggende

In queste pagine sono presentati, i molteplici aspetti che caratterizzano i paesi dell'alta valle del Sillaro, presentati da valle verso monte. Si parte da Sassuno, con il suo misterioso Dragone, si dà un'occhiata al Villaggio della Salute Più, sorto in un punto nevralgico del fronte invernale 1944-1945 durante la Seconda Guerra Mondiale, si scoprono le ricchezze naturalistiche, storiche e artistiche dei piccoli nuclei di Villa di Sassonero, di San Mamante e dei Casoni di Romagna, con le loro storie, a volte poco conosciute ma molto interessanti, come quella della miniera di rame del Sassonero, il cui minerale prendeva la strada per l'Inghilterra, oppure la strana storia della statua di Sant'Antonio a Casoni di Romagna. Procedendo verso monte si incontrano i principali centri abitati della valle: Sassoleone, Belvedere, Giugnola e Piancaldoli. Per ciascuno di questi sono presentati numerosi argomenti che spaziano dalla leggenda alla storia, dall.architettura all'arte, dalle tradizioni al colore locale.